Lettere d'amore

Un sentimento mai nato

Vorrei chiedere al mio destino perché si accanisce sempre con me, dopo tutto ciò che ho passato sentimentalmente, economicamente e con un trasferimento in una regione opposta alla mia, portandomi a restare sola e lontanissima dai miei cari, mi ero chiusa come una castagna nel suo riccio, ma senza avere la speranza che qualcuno mi raccogliesse per farmi ritornare quella fiducia che non ho più dato a nessuno.

Quando tu mi hai chiesto l’amicizia in chat, io non volevo risponderti, ma due care amiche, colleghe conosciute qui a Milano,  hanno fatto in modo che cambiassi idea e mi sono rimessa in gioco nonostante non fossi più una ragazzina.

Mi hai conosciuta molto diffidente, riservata e timida, eppure piano piano sei riuscito a farmi avere fiducia in te, ero contenta perché finalmente avevo incontrato un bravo uomo, che il caso ha voluto sia nato nella mia stessa regione, anzi proprio un vicino di provincia.

Un uomo che inizialmente si è mostrato amorevole, romantico, corteggiatore…poi col tempo abbiamo capito che non potevamo essere una coppia per via del mio fisico, non ti ha fatto scattare nulla, e siamo diventati ottimi amici, adesso anche molto intimi.

Non potevo volere di più dalla vita, tu sei il mio punto d’appoggio, il mio faro, il mio svago, la stella più luminosa che si vede in cielo, quando sto con te mi sento bene e anche se purtroppo non lo ammetti neanche a te stesso ci stai bene anche tu ma da qualche tempo non sei più lo stesso con me, sei più freddo e mi tieni lontana.

Mi dici sempre: “Sei brava”, “Sei diversa dalle altre”, è vero, “sono diversa”perché sono paziente, educata, rispettosa, onesta e leale,  ti ho dato gioie e piaceri  senza ricevere mai nulla, ti ho solo fatto una richiesta: “farmi vivere un sogno una sola volta”, sogno che non mi hai mai fatto vivere eppure non era così difficile da esaudire e mi avresti fatta felice. Hai sempre disprezzato il mio fisico ma, tu mi hai conosciuto così e se non ti fosse piaciuta la mia compagnia non mi invitavi a casa tua, non ti organizzavi per stare insieme, cenare a fare due chiacchiere almeno una volta a settimana.

Posso dire che per salute sarei dovuta dimagrire e tu, ferendo il mio amor proprio mi hai dato l’imput a farlo e dopo quasi un anno ci sono riuscita, fisicamente sono un’altra persona e ti ringrazio per questo ma come ti ho sempre detto, mentalmente sono sempre la stessa persona con cui stai bene.

Nonostante i tuoi continui attacchi per il mio fisico sono sempre lì a coccolarti, a volerti bene, stretta a te mi rilasso, mi dimentico tutto il male e la confusione del mio lavoro e dei problemi che si creano in ogni famiglia, penso solo al momento che sto vivendo senza pensare al futuro perché non so cosa mi riserva e sono contenta che il destino mi abbia fatto arrivare a Milano, altrimenti non ti avrei conosciuto. Dimmi, cosa chiedo di strano? Solo un pò di serenità eppure me la stai togliendo, perchè magari hai incontrato una donna più giovane e magra di me, con lei puoi fare tutto ciò che non fai con me, la porterai a cena fuori,  passerete il fine settimana insieme, per lei troverai il tempo che fino a qualche settimana fa trovavi per me e che adesso per pur caso stai perdendo, perché adesso sono semplicemente un’amica conosciuta in chat. Evidentemente non devo avere gioie, mi dici che mi vuoi bene, che hai dell’affetto per me e adesso  me lo dimostri allontanandomi da te perché sei stanco della routine, perché non hai le farfalline nello stomaco, perché non sono magra come tutte le donne che hai avuto, il tuo ideale di donna…a 30 anni posso capirlo, sarai stato ben messo fisicamente anche tu e lo ero anch’io, ero una bambolina,  ma passati i  55 anni  no, e no perché si è vecchi perché lo sarei anch’io, siamo coetanei,  ma la tu pancia si fa vedere… e a quest’età si pensa ad altro invece che fare il galletto; evidentemente tu “sei diverso” e non accetti di avere una brava amica anche per vederla e cenare con lei una volta a settimana.

E’ vero che il pane arriva a chi non ha i denti, avresti dovuto ringraziare il tuo fato di avere incontrato un’amica come me e non mollarmi,  perché sebbene solo amici,  e non ho mai chiesto qualcosa in più,  hai accanto una persona senza alcun vincolo di ex mariti o figli a carico, con un posto di lavoro che le consente di essere sempre libera di arrivare da te qualsiasi volta tu lo vuoi.

Sai cosa non capisco? Tutte le sciocchezze che dici non rendendoti conto che mi fai del male e mi ferisci, alcune volte i tuoi occhi quando mi guardano dicono l’opposto di ciò che tu dici verbalmente ed è bello vederli parlare, perché i tuoi occhi dimostrano il tuo volermi bene, e forse è proprio questo che mi fa star bene con te.

Forse è proprio la paura di legarti a me che ti sta portando ad esser così freddo, perderesti la tua libertà, ma non è così, lo sai, e se lo fai per questo motivo è da stupidi,  io per te sarei sempre un ottima amica e per qualsiasi cosa ci sarei sempre, sai che farei tutto ciò che posso per renderti sereno e non sarei per nessun motivo un vincolo al tuo essere libero.

Ti voglio bene, sei un caro amico e mi auguro che tu possa ritornare ad essere il mio grande amicone, di poter ritornare alla nostra routine settimanale, di poter stare  stretta a te e dirmi: “cosa c’è di più bello che stare tra le braccia dell’uomo che ti vuole bene”.

Scherzando mi chiedi sempre se ti amo, sai che non è così ma non posso negare di volerti bene e che questo tuo atteggiamento momentaneo mi fa star male perché mi sento una nullità, mi sento messa da parte, sto calpestando la mia autostima; è vero che ho qualche chilo ancora da perdere, e riuscirò a perderlo, sai che se me lo impongo lo faccio,  eppure non sono così grassa e non sono una cattiva persona, non sarò bella ma non sono neanche brutta,  sono bellissima dentro e per me questo è il valore più grande, il valore più bello che si possa donare.

Come ti ho sempre detto se fosse per la pancia non starei abbracciata a te ma a me piace ciò che hai nel cuore, l’apparenza svanisce ma ciò che hai nel cuore resta e te l’ho dimostrato dimagrendo. A te piace la mia bontà d’animo, la mia pazienza…sono “Brava” e ti piacciono le mie coccole ma, ti mancheranno? Le vorrai ancora? Te le farà qualche altra amica? Mi vuoi veramente bene? Ogni tanto penso che me lo dica tanto per dirlo.  Lo ripeto, sono grata alla vita perchè dopo aver ricevuto tante delusione non ci credevo più e per fortuna mi sono  sbagliata, il giorno che mi hai chiesto l’amicizia su internet non sapevo che quella semplice richiesta sarebbe diventata l’inizio di un grande amicizia, sei arrivato nella mia vita mentre mi trovavo a casa con i miei cari e mi hai stravolto facendomi vivere dei bellissimi momenti di serenità e, quando son tornata a Milano ci siamo visti, cena dopo cena…mi son resa conto che la tua presenza mi dà  quella serenità di cui il mio cuore e la mia mente hanno bisogno, ridendo insieme, e non è facile tra due persone diverse tra loro saper ridere insieme delle piccole cose. Pigrone, nonostante tutto ciò che pensi, farfalline o meno, sono sempre una donna a 360°  con un cuore meraviglioso e quando ci vediamo, spero presto,  sono e sarò sempre pronta a coccolarti perché io al mio grande amicone gli voglio veramente bene.

Maria Grazia

Totale visite 1,895 , Oggi 4