Poesia triste e di speranza

Un grido, radici strappate dal terreno in cui hanno vissuto..

dolore incolmabile, desiderio mai appagato..

sorriso affannoso.. e poi la vita..

unica, grande, troppo breve, troppo veloce,

per assaporarla tutta in un solo assaggio…

bisogna sorseggiarla , gustarsela attimo dopo attimo.

E nel frattempo aspetto che la vita inizia a sorrider anche a me, forse il passato corre via e non torna più..

Forse, finalmente, si sgretola in mille pezzi..

E aspetto il futuro…

….porta aperta, senza sapere che c’è dopo,

ma con la voglia di entrarci dentro, con la speranza di trovare l’immensità della vita stessa…

E nel frattempo viviamo come un fiume in piena,

che il fa il suo corso e tutto riesce ad incanalare.. detriti e sporcizia, fiori e desideri di chi guardandolo sogna di poter far scorrere con la stessa velocità i suoi problemi..

Inviate da Monica F.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *